FABblog

Il blog di Fabrizio Sinopoli

Il cacciatore di aquiloni

by Fabrizio on mercoledì 16 maggio 2007, 9 comments

ilcacciatorediaquiloni.jpg«Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso: ero accovacciato dietro un muro di argilla mezzo diroccato e sbirciavo di nascosto nel vicolo lungo il torrente ghiacciato. È stato tanto tempo fa. Ma non è vero, come dicono molti, che si può seppellire il passato. Il passato si aggrappa con i suoi artigli al presente. Sono ventisei anni che sbircio di nascosto in quel vicolo deserto. Oggi me ne rendo conto. »

Così inizia l’ultimo libro che ho letto, “Il cacciatore di aquiloni” di Khaled Hosseini, scrittore di origine afgana. Ambientato dal 1975 ai primi anni del 2000, il libro narra la storia di Amir, un ragazzo afgano pashtun di Kabul, e del suo senso di colpa per aver tradito il suo amico d’infanzia, Hassan, figlio del suo servo hazara.
Ho deciso di leggerlo perchè travolto, come spesso mi capita, dalla moda, pronto a seguire come un pecorone il gregge: ne ho sentito parlare alla radio da Fabio Volo (che lo stava leggendo), ho visto le librerie che lo piazzavano in quantità industriale all’ingresso, ho visto gente in metro leggerlo con passione. Così ho deciso di farmelo prestare (cosa rara, li compro sempre di solito) e l’ho letto (in due mesi: leggo poco…). E’ un bel libro, coinvolgente, scritto con un linguaggio semplice e appassionante, pieno di sentimenti: forse meno eccezionale di quanto si dice. Un libro comunque che vale la pena leggere.
Mi ha permesso di conoscere un po’ la cultura afgana: le abitudini, i costumi, la fede, il pensiero, la società. Molto interessante la tradizione del torneo di aquiloni, che in qualche modo fa da filo conduttore fino alla fine della storia… E’ stato strano leggere di quei luoghi che abbiamo imparato a conoscere in questi anni solo per eventi cruenti come guerre e attentati. Strano leggere le descrizione di città come Islamabad, Peshwar, Kabul e altre. Tutti i personaggi hanno dei caratteri precisi, ben delineati, curati e indubbiamente “studiati” dall’autore.

Voi l’avete letto? E che libro mi consigliate adesso?

Condividi:
    p5rn7vb

    9 thoughts on “Il cacciatore di aquiloni

    1. Io è un anno che lo punto nelle librerie e tantissime persone lo hanno letto, parlandomene bene.
      Lo hai comprato?
      Ti consiglio il nuovo libro uscito recentemente, dello stesso scrittore.
      Buona notte e buona fortuna per domani

    2. Alcuni titoli veramente interessanti ( i primi tre che mi vengono in mente):
      - “Q” di luther blisset: ambientato nella germania della riforma luterana. INCREDIBILE
      - “L’ Ombra del Vento” di Ruiz Zafon Carlos: ambientato nella barcellona del XX secolo a cavallo delle guerre
      - “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino: libri che a scuola pensi che non leggerai mai e poi quando li leggi capisci quanto sei pirletta alle superiori

    3. Le avventure di questo ragazzo mi sono molto piaciute.
      Un altro libro letto di recente che mi ha colpito é “Il bambino con i petali in tasca” di Anosh Irani.
      Ciao

    4. aiuto !!!!!!!!!! ho bisogno di sapere il titolo dell’ultimo libro scritto dallo stesso autore de “Il cacciatore di aquiloni” GRAZIE

    5. basta vi prego nn c’è la faccio piu……….i professori devono smetterla di darci libri da leggere perchè fanno schifo…….leggeteveli voi i libri professori e nn rompeteci l’anima….siete solo dei frustrati….

    6. sì hai ragione è proprio un libro bellissimo…
      io ti consiglio “Va dove ti porta il cuore” della Tamaro… ciao

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>